italian flag english flag german flag cina flag russian flag poland flag serbian flag
Castello di Porcia

Torre Colombera

Torre-Colombera
IGT della Venezia Giulia

Tipologia: Vino rosso
Ettari in produzione: 1.20 ha
Zona di produzione: Azzano Decimo-Porcia (Pordenone)
Natura del terreno: Profondo a tessitura franco argilloso-limoso, moderatamente calcareo e sub alcalino
Varietà uve: Cabernet Franc 20%, Merlot 40%, Refosco dal Peduncolo Rosso 40%
Esposizione: Nordest-Sudovest
Età media dei vigneti: 40 anni
Numero di viti per ha: 2000
Produzione per ha: 6000
Bottiglie mediamente prodotte: 3100
Altitudine media: 25 mt slm
Vinificazione: L’uva raccolta a maturazione in cassettine viene sottoposta ad un appassimento naturale nei locali aziendali per un periodo variabile in base all’annata. Durante la pigiatura viene selezionata manualmente e quindi lavorata solo l’uva in perfetto stato sanitario. La fermentazione viene attivata con lieviti selezionati specifici per uve estremamente concentrate. Durante la lunga macerazione, fino a 50 gg., vengono eseguiti giornalmente delestage e/o rimontaggi. Dopo la pressatura che avviene con piccoli torchi il vino viene elevato in barriques di rovere 100% francese con grana extra fine per 24 mesi. Dopo un breve affinamento in vasca il vino viene imbottigliato e lasciato ulteriormente maturare per circa 12 mesi prima di essere commercializzato
Affinamento: Legno
Maturazione in bottiglia: 12 mesi
Colore: Rosso con sfumatura granata
Bouquet: Intenso di frutta matura, speziato, complesso
Sapore: Sapido, corposo, caldo, molto persistente
Note:

Valori indicativi della vendemmia 2005
Alcool: 13,60%
Acidità totale: 5,70 g/l
Ph: 3,68
Estratto secco: 32,30 g/l
Anidride solforosa: 80 mg/l (massimo per legge: 160 mg/l)

Abbinamenti Cibo&Vino:
Per esaltare al meglio i suoi ricchi profumi, si consiglia l’uso del decanter e l’apertura due ore prima del consumo. Disponibile anche in versione magnum. Ottimo con soppressa, risotto con i fegatini, con le trippe, con il bollito misto(gallina, manzo, lingua, cotechino) e con la “renga” (aringa)