La Regione Friuli Venezia Giulia ha finanziato il progetto di Sostenibilità vitivinicola in Friuli ad agosto 2017.  Il progetto ha lo scopo di promuovere la cooperazione tra azienda vitivinicole friulane, altri soggetti della filiera di produzione del vino, il mondo della ricerca scientifica e della consulenza.

Viene fornito alle aziende un innovativo strumento di governance, basato sul Disciplinare Tecnico del Ministero dell’Ambiente che fornisce le specifiche per applicare gli indicatori di sostenibilità del progetto “VIVA La Sostenibilità della Vitivinicoltura in Italia”, al fine di ottenere una immagine chiara e misurabile dell’impronta ecologica, economica e sociale delle aziende sul territorio.

Principi Di Porcia e Brugnera ha aderito al progetto, e ha ospitato i tecnici delle aziende partner Professione Consulenti, Desam ingegneria e ambiente, oltre ai consulenti esterni di SATA Studio Agronomico per gli incontri di formazione sui Disciplinari VIVA 2.0 predisposti da Università Cattolica e Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, e per la raccolte dei dati finalizzati al calcolo degli indicatori di sostenibilità: acqua, aria, vigneto e territorio.

Continuiamo il lavoro cominciato con l’ottenimento dell’etichetta ministeriale V.I.V.A. per il Pinot Grigio Doc Friuli della linea Castello di PorciaCa’ Bembo con dati certificati DNV-GL

febbraio 2018