italian flag english flag german flag cina flag russian flag poland flag serbian flag

“Evviva VIVA”, il gioco di squadra è la nuova forza della viticoltura italiana

Posted by on aprile 15, 2014 in Blog, News dell'azienda, News Green | 0 comments

IMG_1976

 

Il progetto VIVA Sustainable Wine, avviato dal Ministero dell’Ambiente nel luglio 2011, ha raggiunto in questi giorni un importante traguardo: mercoledì 9 aprile presso lo stand Tasca D’Almerita a Vinitaly sono state presentate le bottiglie che indosseranno un’etichetta innovativa che traccia la performance ambientale della filiera vitivinicola.

 

Le aziende che hanno volontariamente aderito all’iniziativa hanno sottoposto il loro processo produttivo ad una valutazione dell’impronta ambientale dei prodotti, attraverso quattro indicatori: acqua, aria, territorio e vigneto.

 

Il consumatore può quindi, attraverso il QR code presente in etichetta, verificare l’impatto ambientale del vino acquistato e venire a conoscenza dei risultati attuali e del percorso compiuto nel tempo dal produttore in termini di sostenibilità. Le aziende per la prima volta avranno degli indicatori standardizzati, validati e riconosciuti su cui lavorare per migliorare le loro performance e dimostrare di essere sempre più rispettose dell’ambiente.

 

IMG_1980

 

La Cantina Principi di Porcia ha deciso di aderire oggi al progetto, dando seguito al lavoro già fatto per la misurazione della Carbon Foot Print, sottolineando ancora una volta l’impegno preso negli ultimi anni nell’ambito del “Green”, dalla realizzazione dell’impianto Biogas che oltre a coprire il fabbisogno energetico della produzione immette nella rete 8.400 Kw annui, alla conversione delle coperture dei tetti della Fattoria di Azzano per un totale di 2.500 mq di pannelli fotovoltaici, al rinnovo della centrale idroelettrica di Porcia che oggi produce 300.000 kw/anno di energia idroelettrica, azioni che hanno reso la Cantina Principi  ENERGY SAVING COMPANY certificata ISO 50001.

 

IMG_1985

 

Questo progetto che oggi giunge ad un primo qualificante risultato – ha dichiarato Corrado Clini direttore generale del Ministero è finalizzato a creare un modello produttivo che rispetti l’ambiente attraverso uno dei primi programmi concreti di sviluppo sostenibile, con l’obiettivo di conservare e tutelare la qualità e la produzione di vini italiani, e insieme preservare il territorio ed offrire opportunità di valorizzazione e di competitività dei prodotti italiani d’eccellenza sul mercato internazionale

 

IMG_1994

 

Per festeggiare il raggiungimento di questo importante traguardo, frutto del lavoro di squadra tra i grandi e piccoli produttori italiani non ci resta che dire EVVIVA V.I.V.A.!